Un saluto a tutti,

è un settore in fermento quello delle startup legate al mondo delle blockchain e delle criptovalute, a dimostrarlo il crescente numero di ICO che nascono giornalmente e che servono a queste nascenti imprese per finanziarsi senza dover ricorrere ai canali classici di credito. Troppo spesso però ho avuto l’impressione che noi italiani fossimo un pò indietro nello sviluppo di queste tecnologie e per questo motivo sono stato felicissimo di essere smentito leggendo su varie testate che una Startup Italiana si sia distinta per la propria idea e per l’innovazione che la stessa rappresentava.

Infatti l’italiana Helperbit ha vinto ai recenti Startup Europe Awards tenutisi a Sofia in Bulgaria il 15 novembre, promossi dalla Commissione Europea e dalla Finnova in collaborazione con Startup Europe, il titolo di Migliore Startup Europea nel settore fintech (SEUA) grazie a un’idea che è al tempo stesso innovativa e socialmente utile. Una dimostrazione evidente che è possibile coniugare le tecnologie nascenti in ambito blockchain con idee utili per la collettività.

Alla base della vittoria della Helperbit c’è l’idea di fondo dei creatori di questa startup, cioè un servizio che ha come scopo rendere più dirette e immediate possibili le donazioni verso le ONP (Organizzazioni Non Profit) effettuate in criptovaluta. I vantaggi che questo tipo di donazioni possono rappresentare sono abbastanza intuibili: innanzitutto la rapidità della donazione, perchè l’organizzazione ONP avrebbe immediatamente i fondi disponibili senza passare per i canali monetari classici e soprattutto la trasparenza poichè si avrebbe la certezza che i fondi raggiungano direttamente l’organizzazione senza intermediari che prendano percentuali sulla donazione o malintenzionati che promuovano raccolte fondi fasulle, avendo l’ulteriore possibilità di vedere come effettivamente i fondi vengano utilizzati.

Insomma un approccio alla donazione estremamante efficiente, trasparente e immediato grazie alla tecnologia Peer-to-Peer (P2P) che è alla base delle Blockchain ma soprattutto un’idea nobile e che potrebbe rivoluzionare il settore. Questo emerge anche dalle parole del Commissioner for Society and Digital Economy, Mariya Gabriel che ha consegnato il premio all’amministratore delegato di Helperbit:

“Europe wants to have more like you. More of your passion, dedication, talent and energy. We believe in your dream and you have already showcased that progress is made with small steps, and that to become successful it takes long nights and serious thinking on how to approach the most challenging topics. You showcased that success can come from anywhere in Europe. And you showcased that in order to succeed you must be bold and brave”.

La Gabriel sottolinea come la Helperbit sia un modello per l’Europa in quanto la passione, il talento e la dedizione messa nel progetto dimostrano che i sogni si possono realizzare e che idee innovative come questa siano alla base del progresso. Un passo dopo l’altro si avanza verso il futuro ma questo non può essere fatto senza impegno e lavoro, anche nell’affronrare temi più impegnativi alla base dell’idea da sviluppare. Una dimostrazione di come il successo possa arrivare solo con coraggio e audacia, da qualsiasi parte d’Europa questo arrivi.

Delle parole molto lusinghiere che, devo ammetterlo, mi hanno fatto sentire orgoglioso di essere Italiano anche perchè il tema della beneficienza è molto sentito dal sottoscritto e mi vede protagonista attivamente nella vita quotidiana. Per questo concordo pienamente con le parole di Guido Baroncini Turricchia, CEO di Helperbit, che ha sottolineato l’importanza di questo premio per l’intero settore Fintech in quanto vinto da una startup legata al mondo delle blockchain e delle criptovalute. Queste ultime infatti sono una delle più grandi innovazioni di questo secolo e sempre più costantemente stanno influenzando la vita dell’intera umanità; lo sforzo comune nella promozione e nell’utilizzo di queste tecnologie possono produrre un impatto positivo delle blockchain e delle criptovalute in molti settori, con enormi benefici per governi e cittadini. Per questo motivo la decisione della Commissione Europea di premiare una startup del settore avrà enormi ricadute positive in questo processo e il fatto che ad essere premiata sia stata la società Italiana Helperbit, considerata appunto un esempio virtuoso , deve rallegrarci e renderci orgogliosi.

Il raggiungimento di questo titolo non ha solo una finalità di prestigio, ma anche delle ricadute più importanti che potrebbero permettere alla Helperbit di espandere il proprio modello. Infatti Helperbit (così come tutti i vincitori europei degli StartUp Europe Awards) avranno degli importanti benefit  da questa vittoria:

  • Parteciperanno infatti a un programma promosso da Media Partner Alliance che gli permetterà di ottenere una grande visibilità grazie ai 25 membri che ne fanno parte provenienti da varie parti del mondo tra cui Spagna, Francia, Italia, Slovenia, Croazia, Cipro, Irlanda, Messico, Belgio, Lettonia, Lussemburgo, Svezia,  Norvegia e Danimarca.
  • Avranno accesso a un programma di mentoring grazie al quale verrà fornita un’attività di formazione aziendale grazie all’affiancamento di professionisti esperti a quelli della società soprattutto in ambito di internazionalizzazione.
  • Otterranno fondi europei da 50.000 euro a 2.5 milioni di euro non rimborsabili.
  •  Grazie al supporto di Finnova Foundation e al loro Finnova Foundation’s StartUp Europe Accelerator, i progetti dei vincitori verranno pubblicizzati in tutto il mondo e otterranno il supporto necessario al loro potenziamento.

Sono dei benefici tangibili ed estremamente importanti perchè permetteranno alle startup premiate di crescere in maniera esponenziale e di diventare un modello per le nuove imprese che vorranno emularle. Un circolo virtuoso che verrà innescato da questo sistema e che permetterà all’intero mondo delle blockchain e delle criptovalute, di svilupparsi in maniera sana e duratura.

Un saluto, Carlo.

——————————

Fonte: cryptonomist.ch , blog.helperbit.com

Image Sources: Featured , 1 , 2

Ho condiviso questo articolo anche su Steemit.com a questo LINK

15 votes, average: 5.00 out of 515 votes, average: 5.00 out of 515 votes, average: 5.00 out of 515 votes, average: 5.00 out of 515 votes, average: 5.00 out of 5 (15 votes, average: 5.00 out of 5)
You need to be a registered member to rate this.
(3000 total tokens earned)
Loading...

Responses

      1. Adil Elias

        @Working2005 How many languages do you speak? Haha

        I need to be more like you! I’ve been “learning” Italian with @miti and Dex’s posts (with the help of Google Translate of course) but it’s still seem like there’s a long road till I can form some sentences 😛

        Carlo, keep the posts coming man! Because in your blog, I can learn two things in one post 🙂

        (1)