Un saluto a tutti,

Nell’articolo di oggi, vorrei soffermarmi maggiormente sui concetti espressi nella conclusione del  mio articolo di ieri, “Gli exchange sono davvero sicuri?”, nel quale introducevo la recente notizia secondo cui il noto exchange Coinbase sarebbe in trattativa con la società di investimento Tiger Global Management per un prestito di 500 milioni di dollari, necessari per espandere il campo di azione della società californiana e che le farebbe raggiungere la valutazione (stratosferica aggiungo io) di ben 8 miliardi di Dollari, sempre secondo la stima ad opera della stessa Tiger Global.

Non c’è che dire, un bel balzo avanti per la società di San Francisco che la porrebbe tra le migliori e più promettenti Start Up degli USA. Anche perché la Tiger Global Management non è certamente una delle ultime arrivate nel campo della finanza ed ha una solida reputazione nel settore degli investimenti.

Ma la notizia ha anche un valore intrinseco molto importante, che ha delle ripercussioni anche su tutto il mondo delle criptovalute, in quanto una valutazione così alta per una società che opera nel settore sempre “maltrattato” delle monete virtuali, che notoriamente non è visto di buon occhio,  non fa altro che dare un valore aggiunto a tutto il comparto. E’ quanto sostiene anche Michael Novogratz , Chief Executive Officer (CEO) di Galaxy Investment Partners, che ha dichiarato che “le criptovalute non sono Tulipani”, in riferimento alla vicenda storica che ha coinvolto l’Europa nel 16° Secolo e che era stata utilizzata per screditare le criptovalute da parte del direttore di hedge fund e miliardario, Ken Griffin.

Michael Novogratz è noto negli ambienti delle criptovalute oltre che per il suo ruolo di CEO nella Galaxy Investment Partners e per essere un gestore ex hedge fund del Fortress Investment Group, anche per essere un cripto-entusiasta e con una visione decisamente rialzista per il Bitcoin. Alla conferenza The Economist’s Finance Disrupted a Manhattan, martedì, ha dichiarato appunto che le “criptovalute non sono Tulipani”.

La vicenda storica a cui si riferisce Novogratz e che è stata portata alla ribalta dal miliardario Ken Griffin per screditare l’ascesa delle criptovalute, è quella che riguarda l’introduzione dei Tulipani in Europa verso la metà del 1500, che riscossero un grande apprezzamento e interesse in Olanda. Al punto che la crescente domanda per i suoi bulbi aveva portato i prezzi degli stessi a crescere in maniera incontrollata e la gente a impegnarsi a comprarli, fino a quando incapaci di onorare i debiti accesi per tali eccessivi prezzi di acquisto, fecero esplodere una bolla economica senza precedenti per l’epoca. Il 1637 è appunto ricordato per la bolla dei Tulipani.

Gli scettici e i detrattori delle criptovalute, hanno definito le stesse nei modi più disparati; ad esempio Warren Buffet  le ha definite come “veleno per topi” riferendosi al fatto che stermineranno le finanze di un numero spropositato di persone. E’ facile immaginare come la correzione dei prezzi di Bitcoin di ben il 70% rispetto ai prezzi di Dicembre 2017, seguita da correzioni anche più marcate da parte delle principali Altcoin, abbia portato alla ribalta personaggi come Ken Griffin e Warren Buffet che sono sempre stati molto critici nei confronti delle criptovalute, definendole in più di un’occasione “una bolla”.

Novogratz ha quindi preso la palla al balzo e utilizzato la notizia riguardante Coinbase per dare sostegno alle criptovalute, focalizzando l’attenzione sul futuro delle valute digitali e più ampiamente su tutta la sottostante tecnologia blockchain, destinate a rimanere a lungo e non a rappresentare l’ennesima bolla.  Quindi ha attribuito il vistoso calo di tutto il comparto delle criptovalute a correzioni di mercato, tipiche delle valute digitali, ma che hanno mostrato come a ogni salita successiva a una discesa siano stati registrati nuovi massimi.

Insomma, le nuvole che si erano accumulate sul futuro delle criptovalute cominciano a mostrare degli spiragli di cielo sereno e il sole sembra voler fare capolino per riportare serenità sull’ambiente delle valute digitali. La notizia dell’enorme quotazione di Coinbase sembra voler sottolineare  che c’è futuro per questo settore e che bisogna essere solo pazienti, come ha anche dichiarato Novogratz. Quindi non resta che stare tranquilli e avere fiducia, solo i lungimiranti potranno trarre i benefici da una possibile risalita delle quotazioni.

Un saluto, Carlo.

 

——————————

Fonte: livebitcoinnews

Image Sources: Featured  (CC BY 2.0 – Marco Verch for Flickr), 1 , 2

 

10 votes, average: 5.00 out of 510 votes, average: 5.00 out of 510 votes, average: 5.00 out of 510 votes, average: 5.00 out of 510 votes, average: 5.00 out of 5 (10 votes, average: 5.00 out of 5)
You need to be a registered member to rate this.
(1664 total tokens earned)
Loading...

Responses

    1. miti Post author

      Eh si.. ma ti immagini? Una società di solo qualche anno di vita, in un settore ancora in via di sviluppo che è già valutata 8 miliardi di dollari. Da’ l’idea del futuro che attende le criptovalute..

      (0)