Un saluto a tutti,

da accanito sostenitore della tecnologia blockchain, ammetto di essermi quasi sempre concentrato solo sugli aspetti positivi che la stessa apporterà alla società moderna, sottovalutando molto gli aspetti negativi che ne potrebbero conseguire. Ammesso di volerli considerare tali.

Con le caratteristiche distintive delle blockchain e delle criptovalute, a rischio sono molte figure professionali che gravitano nel settore della finanza e del menagement, visto in senso più in generale. E’ la figura degli intermediari quella che perderà proprio la sua ragione di esistere, in quanto l’accesso alle informazioni e alle vere e proprie transazioni sarà diretto, senza bisogno di una figura intermedia.

Ecco che una delle prime figure che rischia di rimanere senza lavoro è quella degli intermediari finanziari, proprio per il loro ruolo peculiare che andavano a ricoprire.

Sostanzialmente il mio pensiero è in linea con quanto dichiarato dal Ministro delle Finanze di Malta, Edward Scicluna, che alla “Blockchain Conference: Delta Summit 2018” tenutasi a Malta ha dichiarato che la diffusione delle criptovalute spazzerà via ogni forma di mediazione nel settore finanziario. Il suo intervento al riguardo è continuato con un paragone che forse è vero solo in parte, ma che rende perfettamente l’idea di cosa secondo lui stia per accadere:

I can see this, just like in photography when you could tell that […] those who process the photos [are] going to lose their jobs, a lot of financial intermediaries will be facing the chop in the not too distant future.

nel quale paragona l’avvento delle criptovalute e delle blockchain all’introduzione della fotografia digitale, a causa della quale non ci fu più bisogno dei professionisti che si occupavano di sviluppare le foto.

Ho detto che il paragone è vero solo in parte, perché se è vero che con l’avvento della fotografia digitale era venuta meno la necessità di sviluppare le foto presso dei professionisti, facendo così scomparire tale figura professionale è anche vero che grazie all’introduzione della stessa molte nuove figure lavorative sono nate. Io per esempio lavoro nel campo della post-produzione fotografica e senza la fotografia digitale la mia figura professionale non esisterebbe. Ma posso anche citare un altro esempio che mi tange molto da vicino, come la fotografia nel settore dei Microstok (di cui tra le altre cose si occupa mia moglie).

Qui mi ricollego a un’altra dichiarazione del Ministro Edward Scicluna:

I think [intermediaries] have to listen and be attentive; I think that’s what the banks are doing now […]

che in effetti converge con la mia tesi, secondo cui tutto sta ad essere attenti all’evoluzione del settore della finanza così come stanno facendo le Banche. Infatti solo in questo modo sarà possibile restare nel settore approfittando dei nuovi sbocchi che il cambiamento in corso potrà offrire.

In effetti siamo davanti a una vera e propria rivoluzione che se da una parte ci pone davanti a una grossa incognita, dall’altra ci potrà offrire infinite possibilità e opportunità.

Devo ammettere che non mi sorprende affatto che tali affermazioni provengano da un membro del governo Maltese, perché ad oggi Malta si è dimostrata molto attenta alle tematiche riguardanti Blockchain e Criptovalute al punto da essere definita “Isola della Blockchain”. Questo la pone di sicuro in una posizione privilegiata in quanto molte società operanti nel settore stanno scegliendo Malta come sede della propria azienda.

Non più di una settimana fa,  il Primo Ministro di Malta Joseph Muscat  presenziando alla 73° Sessione dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, aveva dichiarato che le criptovalute sono “l’inevitabile futuro del denaro” e che grazie alle blockchain il futuro volgerà verso una società più equa e trasparente. Più eloquente di così, non credo potesse essere.

Insomma, il cambiamento può sempre ingenerare timori, di tenore crescente a seconda della grandezza dello stesso; le criptovalute e le blockchain stanno per rivoluzionare l’intero modo di vedere le cose, le nostre vite ed è ovvio che molte cose cambieranno. Io sono sempre solito vedere il lato positivo delle cose e per questo nonostante la consapevolezza che molte figure lavorative non avranno più motivo di esistere, sono altresì convinto che molte altre ne nasceranno e forse saranno anche migliori di quelle perse. Tutto sta ad adattarsi alle circostanze, cosa che ha reso da sempre l’uomo superiore agli animali portando ad evolversi seguendo le circostanze.

Siamo all’alba di una nuova era, sarebbe controproducente tirarsi indietro e non entrare nel futuro dalla porta principale.

Un saluto, Carlo

——————————

Fonte: Cointelegraph

Image Sources: Featured , 1 , 2

 

14 votes, average: 5.00 out of 514 votes, average: 5.00 out of 514 votes, average: 5.00 out of 514 votes, average: 5.00 out of 514 votes, average: 5.00 out of 5 (14 votes, average: 5.00 out of 5)
You need to be a registered member to rate this.
(2726 total tokens earned)
Loading...

Responses

  1. voiceoff

    Oh mamma mia questo è il discorso che fa sempre mio padre. 😀
    Contro ogni forma di progresso perché “elimina posti di lavoro”. Ma allora torniamo alla preistoria se è davvero questo il problema! Il lavoro da sempre si modifica; muoiono certe figure e ne nascono di altre… il mondo va così da sempre ed è straordinario vedere che in molti fanno finta di non accorgersene nascondendosi dietro a un dito.

    (1)
    1. miti Post author

      Bravissimo, è proprio questo il punto. Come ho anche scritto in conclusione di articolo, per delle figure professionali che non serviranno più, ce ne saranno tante altre che si renderanno necessarie. Tutto sta ad accettare il cambiamento.

      (0)
  2. Yanika

    Hey @miti!
    After being on business trip and off Trybe for a while, finally I am back here. I checked your account and there are soo many your articles I have to catch up now 🙂
    I totally agree with you, hard times coming for fin. intermediaries, I am very well aware of that…

    (1)
  3. Giorgio Pfefer

    Un discorso simile si faceva molti anni fa quando l’industria si stava automatizzando, temevano che l’uomo sarebbe stato escluso dal sistema lavorativo senza mettere in conto che si l’automatizzazione avrebbe dato più posti di lavoro a ingegneri, programmatori, sviluppatori ecc. Si dice che la fortuna aiuta gli audaci, Malta ha dimostrato audacia introducendo e supportando le cryptovalute e senza dubbio sarà premiata in futuro.

    (1)
    1. miti Post author

      Esatto.. ad ogni progresso c’è sempre il timore di affrontare dei cambiamenti che invece sono necessari per evolversi. Di Malta e altri paesi che stanno accogliendo bene le criptovalute, guarda caso, ho parlato proprio nel mio articolo di oggi..

      (0)
  4. Dexpartacus

    Eh già, davvero interessante, spariranno figure professionali ma ne compariranno altre, evoluzione e cambiamento saranno prossimi, stiamo a vedere come si evolverà la situazione, sperando ovviamente che si evolva in maniera positiva! 🙂

    (1)