https://pixabay.com/it/bitcoin-valuta-tecnologia-soldi-3089728/

La Cina strizza l’occhio alla blockchain, ma è una minaccia per il bitcoin

Cina divisa fra blockchain e bitcoin.

Per molti blockchain è sinonimo di Bitcoin, ma le potenziali applicazioni della stessa sono davvero innumerevoli.

La Cina ha un ruolo sempre più importante nel mondo della blockchain e del bitcoin. Però nonostante l’attenzione posta dal governo cinese a queste nuove tecnologie, è difficile capire la sua vera posizione.

La Cina ci ha abituato a fare dei voltafaccia improvvisi e al momento sembra non essere chiarezza sul tema.

Assistiamo a volte a degli annunci che vanno nella direzione di voler pesantemente controllare, se non addirittura vietare il fenomeno, ad altre dichiarazioni d’amore verso la materia.

La sensazione che a Pechino facciano una distinzione fra blockchain e bitcoin. La blockchain viene vista come una tecnologia amica mentre il bitcoin viene percepito come un pericolo.

Quindi dietro alla confusione apparente c’e’ una strategia, a mio avviso, di approfittare delle straordinarie innovazioni della blockchain da un lato, ma allo stesso tempo frenare il Bitcoin in quanto vista come una minaccia al sistema socio-economico della Cina.

Il governo combatte una dura battaglia soprattutto sull’aspetto speculativo del bitcoin e delle cripto in generale, bannando le piattaforme di trading e le ICO. Il fenomeno speculativo non piace al governo perchè rischia di allontanare i cinesi dalla moneta reale a quella virtuale e questo già di per sè è una minaccia al sistema economico tradizionale. Inoltre le autorità cinesi vedono nell’investimento in bitcoin, una possibile fuga di capitali dal paese.

Un’altro aspetto che non piace di certo al governo è la filosofia libertina e decentralizzata del bitcoin che va contro la filosofia di governo centralizzato della Cina. In pratica i Bitcoin mette in discussione alla base il sistema cinese e per le autorità questo rappresenta un pericolo vitale.

Quindi sulla carta la Cina potrebbe essere tentata di demolire il fenomeno bitcoin, sfruttando il fatto che il mining pool cinesi sarebbe in grado di sferrare un attacco del 51% sulla blockchain di Bitcoin.

0 votes, average: 0.00 out of 50 votes, average: 0.00 out of 50 votes, average: 0.00 out of 50 votes, average: 0.00 out of 50 votes, average: 0.00 out of 5 (0 votes, average: 0.00 out of 5)
You need to be a registered member to rate this.
(0 total tokens earned)
Loading...

Responses

  1. webdeals

    ciao ti ho approvato il post 🙂 benvenuto su Trybe. Potresti per favore aggiungere anche la featured img la prossima volta? Puoi farlo cliccando dove ti chiede di selezionare le categorie 🙂 Grazie mille

    (0)