La pratica di usare il suono come metodo di guarigione del corpo è sempre esistita. I tibetani usano sono maestri in questo campo e per loro il canto è anche il metodo usato per la loro pratica spirituale.

Alcuni popoli o tribù in varie parti del mondo ancora usano per esempio il tamburo, le tonalità vocali, il gong sempre con rituali che usano vibrazioni ripetitive capaci di riequilibrare i centri energetici e riacquistare la salute

Alcune parti del nostro corpo entrano in risonanza con alcuni suoni o vibrazioni specifiche. Poiché, ormai è dimostrato, che tutto l’universo vibra, la medicina vibratoria trova nell’emissione delle tonalità pure, emesse da campane di cristallo, il suo campo di applicazione più efficace per rienergizzare tutto il corpo. Ogni parte del corpo ha una sua frequenza specifica ed è in grado di entrare in risonanza, ossia vibrare alla stessa frequenza con una fonte che la sollecita, appunto per esempio una campana di cristallo. La malattia non è altro che una dissonanza di uno o più organi con le tonalità o frequenze vibratorie del tutto e non c’è più armonia tra queste vibrazioni.

La malattia quindi è un impedimento alla vibrazione corretta di un nostro organo e quindi interrompendo questo stato di fatto tramite un suono l’energia riprende a circolare e la malattia si dissolve lentamente.

Il tono puro di una campana di cristallo è capace di far risuonare i chakras del corpo e la zona fisica corrispondente. E’ una legge di natura, il suono puro penetra interiormente e guarisce.

La musica del cristallo ha la capacità di determinare una variazione positiva nella nostra coscienza e, mentre la nostra consapevolezza si espande, ci riappropriamo del nostro “essere originale”, sperimentando un più alto fulgore della nostra forma fisica. Il cristallo è in grado di riequilibrare il campo elettromagnetico che esiste all’interno di tutte le forme di vita.

Il nostro corpo ha dal punto di vista fisico ha un’affinità naturale col quarzo. Il corpo umano infatti si compone di molte sostanze cristalline che ritroviamo nel cervello, nelle ossa e parte nella struttura del DNA. All’interno del nostro corpo, nelle cellule di cui è composto troviamo il silicio.

Nel corpo umano si trovano quindi cellule esagonali di silicio come nei cristalli di quarzo, che pur non cristallizzando, conservano in tutto e per tutto le stesse caratteristiche. L’interazione è poi favorita dall’acqua, di cui il corpo umano è composta al 70%, che farà da conduttore di energie. Con i toni puri si può rimodellare l’organizzazione del campo di energia della persona, che rappresenta l’espressione cellulare della malattia o del benessere.

La vibrazione delle campane di cristallo è tanto più potente poiché può essere programmata. Il cristallo di quarzo come sistema olografico può ritenere, trasmettere e ricevere le forme pensiero, e questo è fondamentale per la memoria “madre” di tutti i calcolatori.

È interessante notare come i delfini e le balene comunichino attraverso “forme olografiche dimensionali”, nelle quali l’intenzione dietro il suono è di estrema importanza. Tanto importante quanto i suoni stessi. La potenza del pensiero è il modo con cui creiamo la nostra realtà. Niente può essere creato se in primo luogo non vi è stato pensiero. Nell’usare il cristallo per guarire, in sostanza si amplifica il pensiero con cui è stata programmata la guarigione. Il cristallo ha quindi questa proprietà stupefacente, che può essere riassunta così: mette in evidenza una qualità o una sensibilità speciale nel soggetto, e simultaneamente libera e sostituisce le forme pensiero che non sono appropriate per lui.

17 votes, average: 5.00 out of 517 votes, average: 5.00 out of 517 votes, average: 5.00 out of 517 votes, average: 5.00 out of 517 votes, average: 5.00 out of 5 (17 votes, average: 5.00 out of 5)
You need to be a registered member to rate this.
(3200 total tokens earned)
Loading...

Responses

  1. miti

    Come sempre proponi articoli molto interessanti. Tanti anni fa avevo approfondito anche io uno studio su qualcosa di simile per combattere la tensione muscolare derivante dallo stress (poi ho cambiato lavoro ed ho risolto lo stesso 😀 )

    (1)
    1. Sandro Post author

      Grazie per il commento Miti. Da anni ho scoperto questa scienza e le applicazioni sono tantissime sia nel campo della salute che in quello dell’ambiente, la ricerca è tuttora in corso. Nel commento che segue (di Saifer) lui stesso riporta un esempio dell’uso in agricoltura. ciao

      (0)
  2. Saifer

    credo molto nelle frequenze della musica anch’essa curativa! giù nel mio paese c’è una famiglia di agricoltori che trattano le proprie coltivazioni in una maniera veramente meravigliosa! tra i vari ettari sono poste delle casse acustiche… queste emettono una musica che dicono sia rilassante e favoriscano la loro salute.. sono rimasto a bocca aperta perché fino questa estate passata non ero a conoscenza di tutto ciò! grazie signor @sandrorem

    (1)
    1. Sandro Post author

      Grazie per l’esempio che hai riportato Saifer, è significativo per comprendere la molteplicità delle applicazioni come in agricoltura così anche negli allevamenti del bestiame (sembra che le mucche producano un latte migliore e più abbondante). Il suono è il mezzo che comunica direttamente con il nostro profondo, basta pensare per esempio agli inni patriottici del “nabucco” di come spronassero alla “compattezza nazionale” contro l’oppressore. La musica (che è un insieme ordinato di note e quindi vibrazioni) produce forti sensazioni nel nostro intimo più profondo e questo tutti lo abbiamo provato con alcuni brani che si dice ci tocchino nell’anima. Buona domenica e ancora grazie!

      (0)