Alcuni giorni fa ho avuto un’interessante discussione con un amico, con il quale ho provato a dare una risposta ad una domanda che, nell’ultimo periodo, si sta ciclicamente ripresentando: i videogames possono essere considerati una forma d’arte? La risposta non è affatto scontata e, dopo molto riflettere, non siamo comunque arrivati ad una decisione. Quel che è certo è che il cinema è da sempre considerato arte, e allora potremmo forse considerare in questo modo anche i videogames, o per lo meno una parte di essi. Dopo tutto, anche nel mondo del cinema non mi sentirei di definire arte proprio tutto.

Sta di fatto che, in seguito a questi pensieri, ho deciso di iniziare una nuova rubrica, in cui parlerà di volta in volta delle ultime novità in campo videoludico, ed in particolare di quelle che più mi hanno colpito. Ovviamente si tratta di considerazioni soggettive, e come tali non necessariamente condivisibili… Non tutto potrebbe essere qualcosa di artistico; terrò però conto di diversi fattori nel giudicare ogni giorni.

Il titolo di cui parlerò oggi è Dead Matter, un survival zombie di cui potete trovare il trailer a questo link (https://www.youtube.com/watch?v=8R0fkYHOpzA). Il trailer è stato realizzato alcuni mesi fa, a metà della fase di sviluppo del prodotto, che verrà comunque pubblicato in Alpha il prossimo dicembre; per tanto sono e saranno numerose le differenze e le migliorie introdotte.

Immagine disponibile sul sito Kickstarter

Si tratta di uno dei tanti survival che, ammettiamolo, stanno intasando il mercato nell’ultimo periodo. La novità però sta nel modo in cui questo gioco è nato. Una piccola software house canadese senza alcune esperienza pregressa ha deciso di sviluppare un prodotto con l’intenzione di migliorare e correggere tutti i difetti e i limiti che giochi di questo tipo hanno mostrato negli anni. Nasce così il progetto Dead Matter che, pur essendo una scatola chiusa, raccoglie sul sito di finanziamento Kickstarter una enorme quantità di denaro. L’obiettivo dichiarato dagli sviluppatori, infatti, ha subito attirato l’attenzione di numerosi fan del genere, consci e stufi dei tanti problemi di questi titoli.

Alla luce del denaro raccolto, gli sviluppatori hanno deciso di rimandare la pubblicazione del prodotto, espandendo il team di lavoro, e iniziando a rimodellare tutti quegli elementi che erano stati creati utilizzando i modelli predefiniti del motore Unreal Engine 4. Un lavoro enorme, ma che ha portato a risultati inattesi e stupefacenti, soprattutto dal punto di vista degli effetti della luce e dell’integrazione di elementi come il meteo dinamico e il ciclo delle stagioni.

Il gioco che vedremo presentato a dicembre, allora, sarà un survival mai visto prima, con una mappa di 400 chilometri quadrati, con meteo dinamico, ciclo stagionale e condizioni climatiche che influiranno sullo stato del giocatore. Il tutto sarà ambientato in canada, dopo una classica apocalisse zombie, e i giocatori avranno modo di interagire con l’ambiente in maniera quasi completa. Per esempio, se nessuno dei team o dei lupi solitari in gioco si premurerà di mantenere funzionante la centrale elettrica, l’intera mappa ne sarà sprovvista; così come se nessuno si occuperà della produzione di carburante, nessuno potrà usare i veicoli. Questo elemento che forzerà una certa cooperazione sarà fondamentale per evitare che, come in tutti gli altri survival, il tutto si risolva in un PvP all’ultimo sangue. Lanciarsi nel PvP, inoltre, sarà molto rischioso, perché saranno numerose le orde di zombie, che potrebbero essere attirate dal minimo rumore.

Ogni gruppo potrà appropiarsi liberamente di qualsiasi edificio presente nel gioco, insediandovisi e barricando la zona per tenere lontani giocatori male intenzionati, zombie o altri pericoli gestiti dall’intelligenza artificiale.

Infine, sarà presente una ricca gamma di veicoli (auto, camion, treni, elicotteri…) e di armi. Ciascuno di questi elementi è stato modellato manualmente e ascoltando la community. Elemento assolutamente degno di nota, infatti, è la costanza con cui Shirk, il capo modellatore, lavora trasmettendo il tutto in live su Twitch.

Potete trovare maggiori informazioni su Dead Matter sul server Discord dedicato (http://discord.gg/deadmatter) o sul sito https://playdeadmatter.com/.

18 votes, average: 4.94 out of 518 votes, average: 4.94 out of 518 votes, average: 4.94 out of 518 votes, average: 4.94 out of 518 votes, average: 4.94 out of 5 (18 votes, average: 4.94 out of 5)
You need to be a registered member to rate this.
(3214 total tokens earned)
Loading...

Responses