I duri iniziano a giocare? Non proprio…

Questa settimana abbiamo assistito a un crollo del mercato delle criptovalute che non ha precedenti per quanto riguarda l’ultimo anno. Non tanto a livello percentuale (abbiamo assistito altre volte a movimenti del genere), quanto per il momento in cui avviene e per le motivazioni che potrebbero averlo causato.

Stamattina voglio condividere con voi le mie impressioni a riguardo, così, a caldo, partendo dalla frase fatta che propongo a titolo.

Calo Market Capitalization ultima settimana [CoinMarketCap]

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Dico subito che in questi momenti corre in aiuto la mia formazione “pokeristica” che come prima regola ribadisce sempre il solito concetto di gestione del bankroll. In questo senso il crollo degli ultimi giorni non può scalfire neppure di una virgola la mia fiducia, come ai tempi dei più eccezionali downswing ai tavoli poiché ne sono consapevole: fa parte del gioco.

Ecco perché non è tanto una questione di essere “duri” quanto una questione di aver gestito bene le proprie risorse, ovvero un mettersi nelle condizioni di non dover essere “duri”, di non avere questa necessità. Questo io l’ho fatto ed è una cosa che in queste situazioni mi fa stare tranquillo. Spero tutti voi abbiate seguito questa semplice regola…

C’è però da aggiungere che comunque osservo il tutto da una posizione privilegiata considerato il fatto che il “grosso” delle mie posizioni era stato costruito esattamente un anno fa, quindi prima del grande pump di dicembre e gennaio. Cosa che ovviamente mi mette un filo al riparo da ciò che è successo nel corso di tutti questi mesi.

In questi giorni ho programmato di rinvigorire alcune delle mie posizioni ma non vi dirò quali, ho inoltre pensato di utilizzare un’altra parte di fondi, abbastanza piccola, per fare un po’ di speculazione in FIAT.

Immagino che molti di voi saranno più o meno nella mia stessa situazione e avranno bene o male gli stessi propositi. Rimane da capire quando, perché a giudicare da come si sta muovendo ancora adesso, mentre scrivo, la discesa continua ad essere particolarmente repentina e decisa e non mostra nessun segno di cedimento.

E’ tutto l’anno che a seguito di ogni caduta è sempre spuntata la parola “saldi”… chissà, credo comunque che sia sempre tutto molto soggettivo e se sia in saldo oppure no dipenda soltanto dall’orizzonte temporale che stiamo prendendo in considerazione.

Si potrebbe inoltre pensare che sì, ora forse i prezzi correnti rispecchiano davvero il valore delle cose, e tutto il “gonfiore” o gran parte di esso derivato dalla corsa al “nuovo oro” di fine 2017 e inizio 2018 sia stato fatto fuori.

Dopo quest’ultimo drastico movimento potremo leggere un Market Cap smagrito, vero, forse più di prima (?), naturalmente in attesa dei soliti squali che arriveranno, questo sì, succederà!

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Un saluto a tutti!

e su con la vita 😀

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

15 votes, average: 5.00 out of 515 votes, average: 5.00 out of 515 votes, average: 5.00 out of 515 votes, average: 5.00 out of 515 votes, average: 5.00 out of 5 (15 votes, average: 5.00 out of 5)
You need to be a registered member to rate this.
(2882 total tokens earned)
Loading...

Responses