Un saluto a tutti,

Su Dan Larimer si è detto di tutto, ma secondo me la parola che meglio lo rappresenta è una sola: GENIO. Non lo nascondo, provo una vera ammirazione per lui proprio per quella visione improntata al futuro, quel riuscire a guardare fuori dagli schemi ordinari che lo rendono una persona straordinaria.

Proprio per questo motivo sono molto attento alle sue dichiarazioni, rilasciate ai vari siti specializzati oppure ai convegni in cui presenzia in giro per il mondo. Recentemente in una sua apparizione all’evento Blockchain Live di Londra,  in cui ha presentato Keynote: “Proteggi il tuo business con la Tecnologia Blockchain”, ha rilasciato alcune dichiarazioni che hanno attirato la mia attenzione.

Prima tra tutte quella in cui affermava che le Blockchain sfonderanno quando non se ne parlerà più al punto da diventare invisibili. Infatti secondo la sua idea, le blockchain saranno adottate da tutte le aziende proprio perché strutturalmente più sicure, più responsabili e semplicemente migliori a livello di architettura. Per questo motivo, sempre secondo lui, il passaggio al loro utilizzo su larga scala da parte di tutte le aziende sarà un passaggio naturale perché gli renderà la vita più semplice.

Dan Larimer ha così dichiarato: 

To get from where we are today to there is a matter of getting the existing businesses and existing proven business models to upgrade their software to use blockchain give users greater security [….] Banks lose hundreds of billions of dollars every year to fraud, either from inside or outside. The biggest use cases are actually coming from the businesses which have these huge liabilities adopting the blockchain […] Then their customers are going to benefit from it automatically and transparently.
In pratica secondo Dan, per fare un passo nel futuro bisognerà portare verso le Blockchain le Aziende esistenti e i loro modelli di business, aggiornando i loro software facendo si che a beneficiarne in termini di sicurezza siano gli utenti. In pratica si tratta di aggiornare i servizi attuali per proteggere gli utenti da frodi finanziarie e furti d’identità. Questo perché le banche, per esempio, perdono ogni anno miliardi di dollari in frodi che partono sia dall’interno che dall’esterno delle loro stesse strutture. Proprio per questo motivo, questo è uno dei casi più eclatanti in cui l’adozione delle blockchain renderà gli affari più sicuri e a trarne automaticamente beneficio saranno soprattutto i clienti che avranno più trasparenza.

 

Sempre secondo Larimer:

The other big use case is eliminating the need for constantly changing your password – or complex passwords – because that actually makes things harder for users. When people start making things easier, when blockchain actually makes people’s lives easier and more secure, that’s when it’ll get widespread adoption.

La parola d’ordine è semplificazione. Quando le blockchain renderanno la vita delle persone più semplice, senza necessità di cambiare continuamente password (cosa che rende la vita difficile agli utenti), sarà in quel momento che ci sarà una sua adozione di massa, riferendosi alla tecnologia alla base delle blockchain.

Dan Larimer ha anche focalizzato l’attenzione sull’identikit degli utilizzatori di questa nuova tecnologia, sempre riferendosi alle blockchain, definendoli precursori mossi da una forte convinzione filosofica nelle capacità di quella tecnologia:

So far, the early adoption of Bitcoin and cryptocurrencies is very philosophical. It’s inherently limited to people who actually believe in the cause. That’s true with all early adoption. It’s true with electric cars. It’s true with blockchain.

E vero infatti, che ogni nuova tecnologia ha sempre degli “early adopters”, cioè persone così convinte che la stessa migliorerà la vita di tutti i giorni con il minimo rischio e costo, al punto da farsi portavoce della stessa, di fatto utilizzandola in prima persona. Nell’esempio Dan generalizza lo stesso concetto paragonando l’utilizzo ancora allo stato primordiale delle blockchain a quello di tutte le tecnologie alle prime fasi di adozione, come per esempio quello delle auto elettriche, sul cui futuro delle stesse nessuno avrebbe scommesso.

Non c’è che dire, una mente capace di trasformare idee astratte in qualcosa di concreto e autentico (es. Bitshares, Steemit, EOS) è anche capace di incanalare i pensieri in maniera così semplice da far percepire al lettore tutte le potenzialità della tecnologia di cui sta parlando.

Non posso che concordare con lui che l’invenzione delle blockchain sarà il futuro per svariate realtà, aziendali ma non solo. Immagino le Pubbliche Amministrazioni in grado di fornire documenti e informazioni in maniera istantanea grazie a questa tecnologia, la Sanità che disporrà di tutte le informazioni del paziente, indipendentemente dal luogo di ricovero o di primo intervento. Ma anche nella gestione delle spedizioni, per i corrieri, le assicurazioni, nel tracciamento degli alimenti e via dicendo.. 

Gli utilizzi reali di una tecnologia come quella delle blockchain sono davvero i più impensabili, ma hanno tutti una cosa comune, come ha anche detto Dan: semplificheranno la vita di chi le utilizza e allo stesso tempo garantiranno un grado di sicurezza che le attuali tecnologie non possono assolutamente garantire.

Un saluto, Carlo.

——————————

Fonte: Cryptoglobe.com

Image Sources: Featured , 1  (CC BY 2.0 – Waltonchain (WTC) Blockchain for Flickr) , 2

 

17 votes, average: 5.00 out of 517 votes, average: 5.00 out of 517 votes, average: 5.00 out of 517 votes, average: 5.00 out of 517 votes, average: 5.00 out of 5 (17 votes, average: 5.00 out of 5)
You need to be a registered member to rate this.
(2672 total tokens earned)
Loading...

Responses

    1. miti Post author

      Certo.. non ti resta che creare la tua blockchain e la tua criptovaluta e ti metti in pari :p
      Scherzi a parte, può sembrare ovvio, ma dipende sempre da chi fa un certo tipo di affermazioni. Se lo facciamo noi non ci calcola nessuno, se a farle è un personaggio come Dan Larimer, assume tutto un significato diverso.

      (0)
  1. Giorgio Pfefer

    Gran bel post, Dan è un visionario, ha creato il primo Exchange Decentralizzati (Bitshares), il primo social decentralizzato (Steemit), ha creato il DPOS (Delegated Proof of Stake Algorithm) e ora EOS che è tutto insieme e molto di più, la mia ragazza pensa che Dan sia il vero Satoshi, prima mi ha fatto ridere ma poi … quasi quasi mi convince .

    (1)